Aprile

Cass. Civ., sentenza n. 7374 del 13.04.2015

Cass. Civ., sentenza n. 7374 del 13.04.2015: se è violato il principio della corrispondenza tra il chiesto ed il pronunciato, la Cassazione può intervenire anche sul “fatto” in genere riservato al giudice di merito. La Corte si è espressa su una vicenda riguardante la richiesta della risoluzione del contratto da parte di un privato nei confronti di una società per il grave inadempimento conseguente ad una tecnica di infoltimento dei capelli.

Read More

Cass. Pen., sez. VI, sentenza n. 13798 del 31.03.2015

Cass. Pen., sez. VI, sentenza n. 13798 del 31.03.2015. La riqualificazione giuridica del fatto effettuata ex officio viola il principio del giusto processo e del contraddittorio solo nei casi in cui il titolo di reato ravvisato dal giudice sia più grave e l’imputato non ne abbia avuto conoscenza, ai fini della predisposizione di un’adeguata difesa, in alcuna fase della procedura.

Read More

Cass. Civ., sez. I, sentenza n. 7926/2015

Cass. Civ., sez. I, sentenza n. 7926/2015: se l’avvocato va in pensione, non può più fare il domiciliatario. Pertanto, qualsiasi notifica eseguita presso lo studio dove svolgono l’attività altri professionisti è nulla.

Read More

Cass. Civ., sez. III, sentenza n. 7998 del 20.04.2015

Cass. Civ., sez. III, sentenza n. 7998 del 20.04.2015: pignoramento immobiliare estinguibile dal terzo se manca la trascrizione. Il pignoramento immobiliare è una fattispecie a formazione progressiva, per cui la sola notifica dell’atto al debitore, in assenza della relativa trascrizione, non permette al giudice dell’esecuzione di dar corso alla vendita. Da ciò deriva anche che la rinuncia all’azione da parte dell’unico creditore che ha trascritto l’atto è sufficiente a far dichiarare l’estinzione del processo. Lo ha stabilito la Corte rigettando il ricorso di un avvocato che non aveva...

Read More

Cass. Civ., sez. III, sentenza n. 5849 del 24.03.2015

Cass. Civ., sez. III, sentenza n. 5849 del 24.03.2015: locazioni: valida la clausola contrattuale che prevede incrementi nel corso degli anni. Un accordo che geneticamente preveda un importo del canone di locazione destinato a crescere nel corso degli anni può essere valido, purchè non sia destinato a svolgere surrettiziamente una funzione di aggiornamento del valore del canone, svincolata dai criteri e dai limiti fissati dall’art. 32 della legge 392/1978 e trovi la sua giustificazione causale dall’assetto che le parti hanno dato ai rispettivi interessi nel contratto, mentre è nulla...

Read More

Cass. Civ., sez. II, sentenza n. 5899 del 24.03.2015

Cass. Civ., sez. II, sentenza n. 5899 del 24.03.2015: nelle azioni di difesa titolarità attiva e passiva non rilevabile d’ufficio. L’azione del proprietario del fondo volta a conseguire la demolizione o l’arretramento dell’opera è esperibile esclusivamente nei confronti del proprietario confinante in considerazione del carattere reale dell’azione medesima qualificabile come negatoria servitutis. Ne discende che la titolarità attiva o passiva del rapporto controverso si traduce nella proposizione di una questione che non è di legittimazione...

Read More

Cass. Civ., sez. III, sentenza n. 7661 del 15.04.2015

Cass. Civ., sez. III, sentenza n. 7661 del 15.04.2015: protesto illegittimo: danno patrimoniale e non sempre da provare. In caso di protesto illegittimo il danno patrimoniale (in questo caso subito dall’attività commerciale) e quello non patrimoniale (alla reputazione) vanno sempre provati dal richiedente. Lo ha stabilito la Corte chiarendo anche che l’omessa notifica della riassunzione del processo interrotto non ne comporta l’estinzione in quanto il giudice deve concedere4 un nuovo termine.

Read More

Cass. Civ., sez. Tributaria, sentenza n. 7587 del 15.04.2015

Cass. Civ., sez. Tributaria, sentenza n. 7587 del 15.04.2015: vince l’avvocato che contesta l’accertamento basato sui parametri e non sugli studi. Illegittimo l’accertamento nei confronti dell’avvocato basato esclusivamente sui parametri e non sui più completi studi di settore.

Read More

Cass. Civ., sez. Tributaria, sentenza n. 6959/2015

Cass. Civ., sez. Tributaria, sentenza n. 6959/2015: notifiche fiscali: vale l’indirizzo inserito nella dichiarazione dei redditi se diverso dalla residenza. Concordando con la Ctr Campania (sezione Salerno), la quale aveva disatteso gli esiti della Commissione Tributaria Provinciale, la Suprema Corte ha affermato, che l’indirizzo indicato nella dichiarazione dei redditi costituisce “specificazione, nell’ambito del domicilio fiscale costituito dal comune di residenza, di uno dei luoghi in cui può essere effettuata la notificazione di atti tributari secondo le regole e le priorità di cui...

Read More

Cass. Civ., sez. II, sentenza n. 7457 del 14.04.2015

Cass. Civ., sez. II, sentenza n. 7457 del 14.04.2015: la macchia d’umidità non autorizza la spesa d’urgenza del singolo condominio. Una macchia di umidità sul soffitto non autorizza il proprietario dell’appartamento a richiedere ai condomini il rimborso delle spese sostenute in urgenza per il rifacimento del lastrico solare, senza dunque la preventiva autorizzazione dell’assemblea. Manca infatti la prova che la spesa era indifferibile in quanto se rinviata avrebbe arrecato pregiudizio o pericolo alla cosa comune.

Read More